News dal mondo Nerostellato


DS DI… COGNOME E DI FATTO: FABIO DAL SANTO NUOVO DIESSE DEL PETRA MALO

Prima esperienza e subito impegnativa nel nuovo ruolo per il preparatore dei portieri nerostellati.
 “Diventare il direttore sportivo di una società così ricca di storia e trofei non può lasciare indifferenti”.

Diesse Dal Santo. Suona bene e si appresta a lavorare bene nel nuovo ruolo Fabio Dal Santo, uomo dal cuore nerostellato, che ha accettato e si è subito messo all’opera nella nuova veste di direttore sportivo della prima squadra del Petra Malo. Per lui, preparatore dei portieri ed ex estremo difensore nel calcio vicentino, si tratta del primo incarico nella veste di diesse, ma la sua profonda conoscenza del panorama calcistico dilettantistico vale come biglietto da visita.

Toccherà a lui, in accordo con lo staff dirigenziale capitanato da Silvano Lappo e in sintonia con le esigenze dello staff tecnico, operare sul mercato e gestire il “dietro le quinte” del parco giocatori del Petra. La voglia di ricambiare la fiducia accordatagli e l’entusiasmo nel ricoprire un ruolo così importante traspaiono dalle parole del diretto interessato:

“Ho accettato con grande entusiasmo e forte senso di responsabilità questa nuova sfida – spiega Fabio Dal Santo – . Essere il direttore sportivo di una società così ricca di storia e trofei non può lasciare indifferenti e per questa enorme opportunità è doveroso ringraziare il Presidente, tutta la dirigenza e lo staff tecnico che fortemente mi hanno candidato. 

Subito al lavoro. “In queste prima settimana di insediamento – conclude – ho cercato di allacciare molti contatti e ci tengo a ringraziare tutti i direttori sportivi delle altre società i quali mi hanno dimostrato una grandissima disponibilità e collaborazione. Spero di colmare nel breve tempo il mio gap d’esperienza, confortato comunque dal fatto che ci sono molte similitudini con la mia abituale attività lavorativa. La situazione in questo momento è al quanto delicata ma è fisiologica di una squadra che lotta per l’obiettivo salvezza. Dobbiamo ritrovare noi stessi e confidare in po’ di fortuna”.